ALTA MANE: Resta in alto! Sollevati sopra i tuoi dolori e sostieni il tuo debole animo finchè puoi - Ovidius, Ad Liviam
Partner: Mani Tese
Ambito: Inclusione Sociale
Paese: Italia
 
Luogo: Finale Emilia (MO)
Stato del progetto: In corso
Anno: 2017 - 2018
Tipologia: Progetto AMI
 

Banda Rulli Frulli

Obiettivi:

Abilitare all’insegnamento 4 ragazzi maggiorenni della Banda per favorire l’inclusione sociale giovanile, in particolare dei ragazzi diversamente abili e/o con origini culturali e provenienze diverse, attraverso la musica e diffondere l’esperienza in altri contesti.

Beneficiari:

4 ragazzi maggiorenni della Banda Rulli Frulli; 70 ragazzi della Banda Rulli Frulli (12- 30 anni) e 30 della Banda Rulli Frullini (6 – 12 anni), con e senza disabilità e/o con origini e provenienze diverse, 25 ragazzi richiedenti asilo dello SPRAR di Reggio Emilia e 30 ragazzi del quartiere di Baranzate (MI).

 Attività:

La Banda Rulli Frulli ( link a http://bandarullifrulli.wixsite.com/50urlanti) è un progetto di musica d’insieme inclusivo e di riutilizzo creativo di materiali di recupero per la costruzione di strumenti musicali. Dal 2010 una settantina di ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 30 anni, tra cui 15 con disabilità, si ritrovano settimanalmente a Finale Emilia per costruire strumenti musicali con materiale di recupero, e per suonare percussioni con la guida di un direttore orchestrale della Scuola di Musica C. G. Andreoli. Dal 2013, ogni anno, per alcuni mesi all’anno la Banda è impegnata in vari concerti su tutto il territorio nazionale.

La Banda è stata un’importante occasione di aggregazione e socializzazione durante il terremoto che ha colpito l’Emilia nel 2012 grazie al sostegno di Mani Tese Finale Emilia, ed è diventata nel corso del tempo un punto di riferimento e invio di ragazzi vulnerabili da parte del servizio di Neuropsichiatria Infantile.

Il progetto sostenuto da AMI offre potenzialità di sviluppo alla Banda, permettendo a 4 ragazzi maggiorenni che ne fanno parte da tempo e con particolare impegno, di assumere un ruolo maggiormente attivo affiancando gli insegnanti, anche al fine di una potenziale diffusione dell’esperienza in altre città italiane. Dal 2017 il progetto vede la diffusione all’interno del progetto SPRAR di Reggio Emilia gestito dalla Cooperativa “Dimora di Abramo” e progetto di emergenza abitativa a Baranzate (MI).

 

Partner